IL PREFETTO GLI RIFILA I CLANDESTINI DI NOTTE, COME I LADRI? QUESTO SINDACO SI RIBELLA E LI RIMANDA AL DESTINATARIO!

IL PREFETTO GLI RIFILA I CLANDESTINI DI NOTTE, COME I LADRI? QUESTO SINDACO SI RIBELLA E LI RIMANDA AL DESTINATARIO!

QUINTO DI TREVISO – «Ieri notte abbiamo individuato e allontanato un pulmino che stava per scaricare a Quinto un gruppo di migranti economici. Venire qui a fare le cose di nascosto è un comportamento intollerabile. La Prefettura non ci può prendere in giro».

Il sindaco Mauro Dal Zilio respinge i profughi. Un pulmino con a bordo una quindicina di immigrati è arrivato nella notte tra venerdì e sabato davanti alla Domus Nostra, struttura privata gestita dalle suore, che già ospita otto donne richiedenti asilo con tre bambini. L’autista aveva il compito di far scendere lì altri profughi. Ma ha trovato i cancelli chiusi. Così si è messo ad attendere in strada, sotto la pioggia, con le quattro frecce accese, proprio davanti alla sede della Lega di via Ciardi. E’ qui che all’1.15 l’hanno incrociato Dal Zilio e Fulvio Pettenà, storico ex presidente del consiglio della Provincia. «Mi ha detto che doveva lasciare giù altri profughi che aveva caricato a Mestre – racconta Pettenà – e io gli ho subito risposto che non lo si fa di notte, come i ladri, perché nessuno veda». Il clima tra i due si è subito scaldato. Sono volate parole grosse…

FONTE: IL GAZZETTINO.IT

Share Button

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *